18 Settembre 2020
[]
[]
News&Eventi

Rese note le imprese ammesse ed i termini per rendicontare

Informiamo che sul sito della RAM è stato reso noto l’elenco delle domande presentate dalle imprese di autotrasporto per gli investimenti 2019, così come previsto dal decreto attuativo dell’11 ottobre scorso.

L’elenco si compone di 862 domande, presentate in ordine cronologico, indicando:

• in verde quelle ammesse completamente all’incentivo;

• in giallo quelle ammesse parzialmente;

• in rosso quelle non ammesse.

Ricordiamo che quest’anno i benefici verranno erogati in base al Decreto Ministeriale 336/19, secondo l’ordine cronologico di presentazione della richiesta e sino ad esaurimento delle risorse; la domanda di presentazione, invece, doveva essere inviata tramite PEC, dalle ore 10,00 del 26 ottobre 2019 mentre dal 16 dicembre si potevano inoltrare le domande direttamente in piattaforma fino al 31 marzo 2020.

La lista pubblicata dalla RAM riporta, per ciascun investimento, l’elenco delle domande ammesse secondo il momento di invio dell’istanza, come segue:

• per l’acquisizione dei veicoli a trazione alternativa, i 9,5 milioni di euro sono risultati esauriti dopo soli 26 minuti e vanno a vantaggio di circa 60 imprese;

• per l’acquisizione degli euro 6 e la rottamazione di vecchi autoveicoli, i 9 milioni di euro disponibili si sono esauriti dopo 25 giorni a favore di circa 300 imprese;

• per l’acquisizione dei rimorchi e semirimorchi per intermodale, i 6 milioni di euro sono terminati invece dopo solo 10 giorni, per 135 imprese.

• per l’acquisizione di un gruppo di 8 casse mobili ed un veicolo “porta casse”, i 500 mila euro disponibili sono stati sufficienti sino al termine finale di presentazione delle richieste (31 marzo 2020), anche perché questa tipo di contributo risulta essere stato richiesto solo da 4 imprese.

A tal proposito sottolineiamo come la presentazione delle domande da parte delle imprese altro non rappresenta che una prenotazione per l’ottenimento del contributo, che dovrà essere rendicontato entro il termine perentorio del 15 giugno 2020. Qualora dalla verifica della rendicontazione risultasse che la somma, chiesta dall’impresa ammessa a beneficio, non fosse stata spesa, questa andrà a vantaggio delle altre imprese utilmente posizionate nella lista riportata dalla RAM, secondo la regola dello scorrimento.

Segnaliamo, inoltre, che per il termine perentorio del 15 giugno 2020 UNATRAS aveva fatto richiesta di proroga al Ministro De Micheli, rimasta, ad oggi, inascoltata.

La proroga era stata chiesta per evitare che le domande presentate dalle imprese per l’acquisto degli Euro 6 venissero rigettate dalla piattaforma in virtù di quanto disposto dall’art.6, comma 2, del Decreto Dirigenziale 11/10/2019 (la rottamazione e l’acquisizione del veicolo Euro IV devono, indipendentemente da ogni ordine di priorità, avvenire nel periodo compreso fra la data di pubblicazione del decreto ministeriale 22 luglio 2019 n.336 in Gazzetta Ufficiale ed il termine del 1°giugno 2020 ) che, seppur in aperto contrasto con il precedente comma 4, che garantisce che tutti gli investimenti possano essere perfezionati entro il 15 giugno, nei fatti obbliga le imprese beneficiarie del contributo per gli Euro 6 a dimostrare l’acquisizione dei nuovi veicoli e la rottamazione dei vecchi, entro la data di lunedì 1° giugno 2020.

Tale stato di cose, non considerando le misure di lockdown attuate dal Governo per contrastare l’emergenza coronavirus, che hanno portato a ritardi nella consegna dei veicoli, dettati tanto dalle chiusure delle case costruttrici, tanto degli stessi concessionari, rischia di penalizzare le imprese di autotrasporto che vedranno, almeno in buon numero, decadere il loro diritto al contributo e di certo non per inadempienze proprie.

Di seguito riportiamo il link al sito della RAM dove è possibile conoscere la lista complete di tutte le domande presentate:




Fonte: Assotir

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]