28 Luglio 2021
News&Eventi

Come funziona la guida in “multipresenza”?

COS’E’ LA GUIDA IN MULTIPRESENZA E COME FUNZIONA

Secondo l’art. 4 lett. O Reg. 561/06, la guida in multipresenza si ha quando a bordo del veicolo ci sono almeno due conducenti, di cui il primo registra “guida” inserendo la carta tachigrafica nello slot 1, mentre il secondo registra “disponibilità” inserendo la carta tachigrafica nello slot 2.


COME UTILIZZARE LE CARTE TACHIGRAFICHE

Quando il primo conducente dovrà passare la guida al secondo conducente, andranno rispettivamente scambiate le carte tachigrafiche negli slot. Quindi il primo conducente entrerà in “disponibilità” mentre il secondo conducente inizierà a guidare.


IMPEGNO E RIPOSO GIORNALIERO

Quando si effettua una guida in multipresenza, i conducenti devono effettuare un riposo giornaliero di almeno 9 ore entro 30 ore da quando hanno iniziato il proprio impegno. Per questo, il conducente in disponibilità deve rispettare le stesse ore di impegno e di riposo del conducente che si trova alla guida.

Per quanto riguarda le pause giornaliere, dopo le 4 ore e 30 minuti di guida, i conducenti non sono costretti a fare 45 minuti di pausa, in quanto il tachigrafo registra per il secondo autista “disponibilità”, che ai fini della guida è considerato “pausa”.


ERVONO GIUSTIFICAZIONI PER GUIDARE IN MULTIPRESENZA?

Non serve alcuna giustificazione per guidare in multipresenza, in quanto sia il primo che il secondo conducente hanno la propria carta tachigrafica inserita nel tachigrafo.


SANZIONI

Non inserire entrambe le carte negli slot, comporta una sanzione da € 52,00 a € 102,00 (Art. 19 legge 727/78).


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]