11 Agosto 2020
News&Eventi

La guida autonoma

Un veicolo a guida autonoma è un insieme di differenti tecnologie interconnesse che consentono al mezzo di percepire la strada e l'ambiente circostante in cui si muove e opera, elaborandone i dati e azionando i relativi comandi del veicolo. Tutto questo avviene grazie ad un sistema complesso di sensori e di altri strumenti attraverso cui il veicolo, nella nostra fattispecie il camion, è in grado di ‘vedere' la strada e i suoi ostacoli.

In pratica i camion a guida autonoma, così come le vetture, sono dotati di sensori a ultrasuoni installati su diverse parti del mezzo per il riconoscimento degli ostacoli quando viaggia a velocità moderate; radar che permettono di ricostruire l'area intorno al veicolo in maniera costante e continua; scanner frontali per avere una visuale approfondita della strada che si apre dinanzi al camion; telecamere sistemate in diversi punti strategici del veicolo per riconoscere la presenza di ostacoli o per seguire le strisce divisorie delle varie corsie; sistema satellitare GNSS (che fa uso del sistema europeo Galileo) grazie al quale il veicolo è sempre in grado di rilevare la propria posizione e posizionarsi su una mappa che rivela la morfologia stradale.

Tutte queste immagini non sono vagliate attraverso la vista di un essere umano, ma vengono analizzate e processate in dati essenziali dall'intelligenza artificiale di bordo, al fine di capire come reagire dinanzi a ciò che si presenta nell'area intorno al veicolo.

Va inoltre detto che esistono diverse tipologie di guida autonoma, standardizzate in livelli a seconda del grado di autonomia del mezzo:

  1. Livello 0: guida manuale;
  2. Guida assistita con Adaptive Cruise Control che supporta il conducente nel rilevamento di ostacoli o condizioni stradali pericolose;
  3. Guida parzialmente autonoma condizionata, con integrazione tra sistema e conducente;
  4. Guida autonoma condizionata, quando il veicolo è in grado di accelerare, frenare o sterzare da solo ma è necessario l'intervento umano in situazioni particolari;
  5. Guida altamente autonoma, ovvero quei mezzi che sono in grado di guidare in autonomia, muovendosi e monitorando le condizioni di traffico e prevedendo situazioni tipiche di viabilità;
  6. Guida pienamente autonoma, vale a dire di quei mezzi che non necessitano nemmeno della presenza dell'uomo, in quando la guida è esclusivamente autonoma.


FOCUS


• Esistono diverse tipologie di guida autonoma, classificate in 6 livelli a seconda del grado di autonomia del mezzo.


• Il Platooning costituisce una delle applicazioni della guida automatica che va esercitata in un ambiente stradale protetto o a complessità limitata.


• L'European Truck Platooning Challenge 2016, un viaggio su strada aperta di convogli di camion a guida semiautomatizzata di sei costruttori sulla tratta Bruxelles-Rotterdam, ha dimostrato che i costruttori europei di truck sono pronti per il Platooning.


• I vantaggi del Truck Platooning sono molteplici e recano benefici ambientali e sociali e benefici per le aziende di autotrasporto e logistica.


• Oggi occorre costruire un sistema multibrand che consenta a ciascun veicolo di unirsi ad un altro di un brand diverso, mentre dal lato delle infrastrutture occorrono regole comuni a tutti i i Paesi che fanno parte dell'Unione Europea.


• La Commissione Europea ha deliberato a giugno 2018 il Progetto Ensemble che mette insieme gli attori chiave per la realizzazione del Truck Platooning.


•Il Truck Platooning inteso come veicoli che viaggiano senza autista è uno scenario ancora lontano per motivi di standardizzazione della tecnologia e delle infrastrutture.



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]